#Scrittoritaliani
caricamento in corso!
Leggi tutto

L’essenziale sarà visibile in 3d

Letizia Leo
Scritto da:
Letizia Leo
Pubblicato il 08/01/2015
scrittori italiani; piccolo principe; Saint-ExuperyIl primo gennaio in Italia sono scaduti i diritti di riproduzione del capolavoro di Antoine de Saint-Exupery, Il piccolo principe, e gli editori italiani sono in procinto di stampare nuove edizioni, dopo il monopolio incontrastato della Bompiani, che ha detenuto i diritti di stampa per 70 anni. Mark Osborne, già regista di Kung Fu Panda, per celebrare l’opera sta ultimando la preparazione del cartoon 3D, che uscirà nelle sale francesi e americane – Paesi in cui il diritto di riproduzione è stato procrastinato di altri 30 anni - il prossimo ottobre, mentre per vederlo in Italia bisognerà attendere gennaio 2016. Il film, il cui budget previsto per la realizzazione è di 80 milioni di dollari, è una rivisitazione del classico di Saint- Exupery, ma l’autore promette che l’opera originale non verrà travisata. La storia inizierà nella cameretta di una bambina intenta a studiare davanti ad una finestra aperta, dalla quale entra un aereoplanino di carta, il cui foglio è una pagina del manoscritto originale dello scrittore – aviatore, risalente al 1943, che riporta un passo del libro e il disegno del Piccolo Principe. Questo in preparazione sarà il primo film ispirato al Piccolo Principe, la cui direttrice artistica. Céline Desrumaux, promette la piena fedeltà alla semplicità del libro. Due sono le tecniche utilizzate per rappresentare il mondo della bambina e dell’aviatore e quello del Piccolo Principe: per il primo, quello del mondo reale, è stata utilizzata la computer grafica, mentre per il secondo la stop motion (tecnica che sfrutta una particolare cinepresa che impressiona un fotogramma alla volta, azionata dall'operatore/animatore). (L.L.)
diritti diritti Diritti
arte arte Arte
cinema cinema Cinema
letteratura letteratura Letteratura
musica musica Musica
teatro teatro Teatro