#Scrittoritaliani
caricamento in corso!
Leggi tutto

Le case per scrittori in Italia. La Lemon Tree House in Toscana

Pubblicato il 04/05/2017

Di Daniele Minasi

residenze











Ricevere una sovvenzione e un alloggio per mettere a frutto la propria creatività e scrivere, è una prassi, anche se non molto diffusa, in Europa e nel Mondo.
Ma qual è lo stato dell’arte in Italia?
Quanto ed in che modo, il “neo mecenatismo” è radicato nel Belpaese?
La Federazione Unitaria Italiana Scrittori ha deciso di valorizzare gli scrittori italiani offrendo 4 borse di studio (2 italiani e 2 stranieri) per scrivere a CasteldiLago con il concorso "Penne in Borsa". 
Il nostro paese come di consueto mantiene un ritardo cronico rispetto al resto del mondo ma è dotato di grande memoria storica.
Nonostante abbia dato i natali a scrittori e poeti di fama internazionale, il tributo culturale statale e privato offerto alla letteratura si è tradotto, quasi esclusivamente, nella realizzazione di case museo nelle dimore degli scrittori famosi.
Ad oggi le case di D’Annunzio, Pascoli, Leopardi ecc. sono state trasformate in musei visitabili e fruibili per assaporare l’ aria che ha favorito la creazione di opere poetiche e letterarie di indiscusso valore.
Ma per quanto riguarda gli scrittori emergenti?
Esiste una casa per scrittori. 
Ovviamente in Toscana. 
Ovviamente, perché la campagna toscana, con i suoi paesaggi, ben si presta come luogo incantato dove raccogliere le idee e creare. 
D’altronde la cinematografia contemporanea ha eletto questa regione a set ideale, per rappresentare il bisogno di quiete e di tranquillità per lo scrittore di turno, tormentato o in crisi.
La Lemon Tree House, nella campagna senese,  apre le sue porte per ben due volte l’ anno e per un periodo massimo di due settimane, a tutti coloro che cercano un luogo isolato e tranquillo per sviluppare in pace i loro progetti. 
Che si tratti di scrivere, comporre, studiare, dipingere poco importa. 
Oltre alla tranquillità della campagna di Cetona, Julie Jolicoeur e Erinn Beth Langille, artefici del progetto, fondato nel 2013 offrono agli ospiti anche delle sessioni “one to one” con dei professionisti di diversi settori e di fama internazionale. 
Si tratta quindi di un luogo ideale dove, attraverso il confronto e la convivialità, dare forma alle proprie idee e progetti.
La tenuta di Camposervoli, nella provincia di Siena, dove sorge la Lemon Tree House, sembra creata appositamente per i fini sopracitati. La cultura dell’ accoglienza e l’ attenzione all’ arredamento si sposano perfettamente in questo luogo.
I commenti entusiasti degli ospiti, pubblicati sul sito, sembrano proprio confermare.
Per quanto riguarda il 2017 le prossime aperture sono programmate per i periodi 20 maggio- 3 giugno  e dal 9 al 23 settembre.
Per essere ammessi è sufficiente scrivere una lettera di intenti sul sito: http://www.thelemontreehouse.org/
In bocca al lupo!
 

 
diritti diritti Diritti
arte arte Arte
cinema cinema Cinema
letteratura letteratura Letteratura
musica musica Musica
teatro teatro Teatro